Archivi categoria: Suole di Palco

Quadroimphamia!

Lino e I Mistoterital ragazzi amModo!

Portico del Wooltone, Pieve di Cento (Bo), 23 marzo 1985.
Quadroimphamia_locandina

Dopo numerosi rimandamenti dovuti alla stagione, LMT si presentano in tenuta Mod nello stesso luogo e in occasione dello stesso carnevale pievese dove, l’anno precedente, avevano fatto la loro apparizione in veste Pepperiana.

 

Manca l’allora secondo chitarrista Mac Rodiatoce, omonimo ma non parente del concittadino Bob, ma c’è il tastierista Peter J. Cotton, che sistema lo strumento su due precarie sedie da trattoria.

 

 Il Fancléb si presenta in tenuta perfetta. Sbucano dai più autentici brit-fifties, con look “sharp“, giacche “tonic“, gonne a scacchetti e maglie istoriate di simboli modali: Moe Herr, Annapack Anka, Rita e Uldo Rebus, Ella Brett, Dacia Organzina, Archie Reddavid, Barchie Malone.

 

Intervengono inoltre, in nome del casino più sfrenato, Jean Gabardin, Graham G. Kashmir, Lou Maka e Frank O’ Forte, i Signori Syno e i Signori Rebus, Lou Smile, Nella Brett, Claudia Splass, Mac Macré, Lodi Psichespine, colleghi di lavoro ed ex-compari di liceo, certi storici rockettari del paese di Phil e Paul, fra cui, in primis, il grande Go Gianni Go Fini.

600_quadroimphamia17

A sorpresa, la band è attesa sul posto da una pattuglia di ragazzini che sa tutto sugli Who e dintorni. Resteranno per un’ora e mezzo a saltare e cantare assieme ai nostri.

Da “Twist and Shout” a “My Generation” trascorrono un’ora e venticinque di puro calore che rende quasi inutile il tipico parka dei Mod. Quadroimphamia_6

I Teritals ce la mettono tutta, saltano, urlano, snocciolano citazioni fisiologiche (Phil ruota il micorofono e Bob ruota il braccio, in omaggio ai grandi padri Who) lanciano biglietti, palloncini, sostituiscono le anfetamine d’ordinanza con gli Smarties.

600_quadroimphamia10Quadroimphamia_3

Paul Syno, presentato per la prima volta come “the little big man“, ha un fedele roadie che al termine di ogni brano gli riavvita il charleston. L’alta reversibilità viene lambita, quando tre clown non identificati lo affiancano sulla ritmica di “Guglielmo Wawe“.

13091922_10153720589054217_1239329282077664808_n

 

 

Durante i bis, eseguiti con Gianni Go, il bailamme minaccia l’integrità fisica della band e delle sue povere attrezzature. Finché Bob esegue la catarsi finale spaccando la finta chitarra preparata per l’occasione.

L’eccitazione modernista continuerà a serpeggiare nelle stradine del borgo per svariate mezz’ore dopo la fine del concerto: “Siamo i Mod, siamo i Mod, viva viva siamo i Mod…

Quadroimphamia_4Quadroimphamia26Quadroimphamia24177180_10150929674404217_1629816395_o307008_10150929689384217_1536638735_n

13100785_10153721106264217_5700363826149101099_n

LMT a Lardo ai Giovani 2015

Lardo ai Giovani” (ma a noi invece cipster cicoria) 11/4/15 a Booh-Lagna. Frammenti dallo smartfummo di Enrica Sbarba MOndadori di vari momenti della breve esibizione. Da “Una Fetta di Limone“, fatta per ricordare con Freak altri due spiriti liberi e folli (Gaber e Jannacci), a “Maledetta domenica” dedicata appunto al Roberto Antoni in questione. Una “ode” scritta da Phil: “Il Rock Italiano ha messo i denti” e per finire, non provata ma sempre provata, una “Sono Peso” per allungare il brodo (Giovanni Allevi non s’é presentato).

i Due Marmocchi

Queste foto ritraggono i Due Marmocchi (Paul Syno e Rockingiulio Boccedi) mentre eseguono un brano di rock agricolo intitolato “Gente che suona che odia la gente che suona” al circolo Pistoni Alati di Massa Fiscaglia (9 maggio 2014).
Chi ha permesso che nelle zone ancora radioattive della provincia ferrarese (così duramente provate dalle esibizioni di LMT negli anni ’80) si esibissero ancora certi loschi figuri? E perché un baldo bassista come Gurioli si e’ unito a loro? E il batterista dei Big Kahuna? Chi l’ha convinto a jamsessionare ?
E adesso chi potra’ risarcire il territorio?

I Due Marmocchi / maggio '14
I Due Marmocchi / maggio ’14
1796991_10152175173774217_2914775434263852254_o
I Due Marmocchi / maggio ’14